Cataldo Perri

Nasce e vive in Calabria. Suona in maniera preponderante la chitarra battente (strumento tipico del Sud Italia).
AUTORE dello spettacolo “ Laura e il sultano”, ispirato alla vicenda di una ragazza di Cariati rapita dai turchi nel 1500 e divenuta la favorita del sultano di Costantinopoli.
Lo spettacolo è stato rappresentato in Italia ed all’estero (Norimberga, Waiblingen)
Le musiche dell’opera arrangiate da Gigi De Rienzo ed edite da Raitrade, raccolte nel cd “Rotte saracene” sono spesso utilizzate dalle trasmissioni televisive : Sereno variabile, Mediterraneo, Linea blu e inserite in una compilation Rai dal titolo Linea blu.
“La tarantella di Cariati” è stata per due anni il jingle tormentone della presentazione del Meteo sulle reti Rai .
AUTORE dello spettacolo “Bastimenti”, (con la regia di Daniele Abbado) ispirato alla vicenda esistenziale del nonno partito per l’Argentina nel 1924 e mai più ritornato. Tale intima vicenda familiare è servita a Perri per dedicare uno straordinario affresco in musica a tutti quelli che non ce l’hanno fatta. Ospiti dello spettacolo Mario Arcari, Beppe Quirici, Armando Corsi, già collaboratori di Ivano Fossati e Fabrizio De Andrè e del disco omonimo di Perri .
Lo spettacolo “Bastimenti” , oltre che nei teatri italiani, è stato in tour in Argentina e in Germania, a Singapore, e in forma ridotta a Bruxelles nella sede del Parlamento Europeo.
Perri ha fatto concerti : alla “Fiera del libro di Torino”, negli Stati Uniti (Columbus day 2002) all’Italian Center di Stanford ed alla Peace University, a Liverpool , al Barden Treffen di Norimberga, in Svizzera , al Festival dei due Mondi di Spoleto.
E’ stato ospite di alcune trasmissioni Rai (Demo, Sereno Variabile ecc..)
Nel giugno 92 è stato invitato alla York University di Toronto per delle lezioni concerto sulla Chitarra battente. Ha suonato con Peppe Barra, Eugenio Bennato e tantissimi altri.
Ha scritto le musiche dello spettacolo “ La zampogna e il violoncello” rappresentato a Copenaghen nell’agosto del 2000.
Ha scritto alcune delle musiche della fiction Rai “L’uomo che sognava con le aquile” con Terence Hill.
Nel 2005 ha avuto un prestigioso riconoscimento al Demo award da Pergolani e Marengo (radio Rai demo) al Mei di Faenza .
Collabora con lo scrittore calabrese Carmine Abate in un progetto di musica e letteratura ispirato ai suoi romanzi fino all’ultima fatica “Vivere per addizione nelle terre di andata”. Con Abate è stato ospite , fra l’altro al teatro Silvestrianum di Milano, al festival “Adriatico mediterraneo” di Ancona e la “Festa del Ritorno”, selezionato fra 1500 opere dal Ministero dei beni culturali, è stato rappresentato a Roma nella sede dello stesso Ministero nel febbraio 2008.
Perri ha inoltre creato alcune delle musiche del documentario”Cessarè” sui movimenti antimafia in Calabria .
Ha ideato e promosso la rassegna”La battente nei luoghi della memoria”.
Ha partecipato col suo brano Il mio sud alla compilation di artisti calabresi i cui proventi vanno alla cooperativa del Marro della Locride che gestisce insieme all’associazione Libera di don Ciotti alcuni terreni confiscati alla Ndrangheta.